L'accordo Skyes - Picot

L'accordo Skyes - Picot

Cercando di capire il passato, possiamo meglio interpretare il presente e il prossimo futuro

Avvicinarsi alla storia del Medio-Oriente può spaventare perché è argomento complesso e ancora in evoluzione, le nazioni coinvolte e gli interessi in gioco sono stati e sono ancora tanti. Un libro che può aiutarci a chiarirne le zone d’ombra è "Skykes-Picot. Politica di potenza, crisi e reazione nel mondo islamico tra Ottocento e Novecento" a cura di Georg Meyr, Panozzo editore.
Il saggio sarà presentato venerdì 13 ottobre alle 18 nella libreria Leg edizioni di corso Verdi, 67 a Gorizia. L’incontro è organizzato in collaborazione con l’Associazione Amici di Israele. Insieme a Lorenzo Drascek, che rappresenta quest’ultima, interverranno il curatore Georg Meyr e gli autori Giulia Caccamo, Costantino Filidoro e Fabio Romano, un gruppo di studiosi facenti capo al Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Trieste. Come ricorda Meyr nell’introduzione, il caos mediorientale ha radici consolidate e di lungo periodo. Gli autori, tra i quali anche Diego Abenante, da un lato illustrano i fatti storici determinanti per l’attuale assetto politico, gli accordi del 1916 per la spartizione dell’Impero ottomano da parte anglo-francese, dall’altro propongono spunti di riflessione sull’origine dell’instabilità odierna.

L’incontro sarà un’occasione per cercare di capire il passato e di interpretare il presente e il prossimo futuro con maggior consapevolezza.

Libreria Leg, corso Verdi, 67 - 34170 Gorizia - Tel: 048133776