Mostra La Rivoluzione Russa

Quest’anno ricorre il centenario della Rivoluzione Russa d’Ottobre, che ha certamente marcato la storia mondiale del XX sec.

Esiste però, per quanto riguarda la cultura e le arti, un’altra, più ampia Rivoluzione Russa, che ha stabilmente mutato i canoni espressivi precedenti, dal teatro (Cečhov, Mejerchol’d, Stanislavskij) alla musica (Musorskij, Skrjabin, Stravinskij…), dal balletto (Djagilev) alla fotografia (Rodčenko), alle arti figurative, dove, tra molti altri, basterà ricordare alcuni nomi: Benois, Bakst, Kandinskij, Malevič, Končalovskij, Larionov, Tatlin, Gončarova, Stepanova, Ekster.

Mostrare questa “esplosione culturale” è l’ambizione del progetto di Silvia Burini e Giuseppe Barbieri, che dirigono il Centro Studi sulle Arti della Russia (CSAR) dell’Università Ca’ Foscari Venezia, affiancati da Faina Balachovskaja, della Galleria Tret’jakov di Mosca che l’ERPAC – l’Ente Regionale Patrimonio Culturale della Regione Friuli Venezia Giulia – ha accolto per la sua sede museale di Gorizia.

I margini cronologici del percorso espositivo vanno dal 1898 al 1922, data di costituzione dell’Unione Sovietica. Il percorso espositivo si articola in 6 sezioni, ciascuna corrispondente a un anno specifico e cruciale, e ciascuna recante un sottotitolo tematico, che incrocia eventi storici, movimenti culturali, pratiche artistiche e opere concrete: dipinti, opere su carta, oggetti, documenti.

Dal 21 Dicembre 2017 al 25 Marzo 2018

Orario: dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 18

Luogo: Musei Provinciali di Palazzo Attems-Petzenstein

Ingresso libero.

Per ulteriori informazioni vai sul sito della Fondazione: link

o chiama al 0481 547499

Consorzio Turistico Gorizia e l'Isontino - P. IVA 01037930318, C.F. 91024860313, PEC gois@legalmail.it Privacy